“Baciami”, la delicata esuberanza del Mammolo spumante!

Cari amici di Divini Racconti, ben trovati. Siamo nel pieno dei festeggiamenti natalizi e ci sono cose che vanno obbligatoriamente fatte. Naturalmente, ci riferiamo ai regali, alle grandi abbuffate e alle partite a carte con gli amici, ma, per una questione di vocazione professionale, non possiamo non pensare principalmente ai brindisi a base di bollicine.

Diciamolo chiaramente: c’è l’imbarazzo della scelta! Dagli Champagne ai Franciacorta passando per i Prosecco, sono infinite le sfaccettature e le possibilità offerteci. Alcune, come quelle sopracitate, conosciutissime in ogni angolo del mondo e facilmente reperibili (basta regolarsi sulla fascia di prezzo), altre, invece, decisamente meno.

Ed è proprio una di queste ultime che intendiamo presentarvi oggi. Si tratta del “Baciami“, originalissimo spumante rosé dell’azienda toscana Piandaccoli (di cui abbiamo avuto modo già di parlarvi in passato).

Prodotto con metodo Charmat, il “Baciami” è figlio di uve 100% Mammolo. Una assoluta novità nel panorama enologico che ci siamo goduti presso il D-Wine di Avellino in compagnia del responsabile commerciale dell’azienda, Raffaele Anzuoni.

Il colore è un rosa leggermente pallido che ricorda gli eleganti nettari provenzali. Il perlage è intenso e discretamente persistente. Al naso regala nette note floreali e fruttate, con una predominanza di piccoli frutti rossi (lampone, mora e ribes) ed una sottile venatura agli agrumi intervallata da lievi e gradevoli stoccate minerali. In bocca è delicatamente esuberante. Il frutto si ripropone orgogliosamente, ma senza togliere nulla alla freschezza e all’agilità del sorso.

Vino davvero intrigante e versatile, in grado sia di impreziosire un buon aperitivo che di accompagnare un intero pasto a base di pesce, verdure grigliate e carni bianche. Da provare assolutamente (così come abbiamo fatto noi) insieme a formaggi vaccini e di pecora di media stagionatura, ma da non sottovalutare in abbinamento con salumi grassi e lievemente speziati.

Venendo al prezzo, siamo intorno ai 15 euro in enoteca, cifra assolutamente abbordabile e adeguata ad un prodotto che senza dubbio sorprenderà in positivo i vostri ospiti. Provatelo!

Stampa
Echezeaux 2007, emozionante nettare di Dominique Laurent
Sagrantino “Vignalunga” 2012, bel mix di potenza ed eleganza

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Bolgheri Rosso 2015: il bel nettare di Michele Satta

Torniamo in Italia e facciamo tappa in una delle regioni più prestigiose dal punto ...

Celsì 2012: il fine Aglianico di Fiorentino da bere ed aspettare

Continua il nostro viaggio nelle sfumature dell’Aglianico irpino. Oggi ci tuffiamo nel prodotto di ...

Chateau de Fontaine Audon 2013: un bel tuffo nel Sancerre

Diamo inizio alla settimana lasciando nuovamente l’Italia per dirigerci in Francia. Oggi, l’obiettivo è ...

Millstone 1994: meraviglie dello Shiraz australiano

Dopo settimane di freddo e pioggia, anche su Avellino è tornato a splendere il ...

Greco di Tufo 2015: la bella sorpresa di Nardone Nardone

Torniamo nella nostra verde Irpinia per assaggiare, dopo un bel po’ di tempo in ...