Grecomuscio “Fulgeo”, la bella prova di Guastaferro

L’Irpinia è terra di grandi vini e questa non è certo una scoperta. Le tre Docg Greco di Tufo, Fiano di Avellino e Taurasi, pur soffrendo ancora una comunicazione carente sul piano internazionale, riescono a scalare le classifiche di gradimento e a conquistare un numero sempre crescente di enoappassionati. Il Comune di Taurasi, manco a dirlo, è famoso per la produzione dell’omonimo vino a base Aglianico, strutturato, importante, in certi casi austero, capace di competere con i grandi rossi italiani e non solo. Tuttavia, pochi sanno che in questo piccolo centro della provincia di Avellino si coltiva un vitigno poco conosciuto e ritenuto fino a qualche anno fa scomparso, il Roviello Bianco, noto alla gente del posto con il nome di Grecomuscio.

E’ un’uva che in passato spesso veniva confusa con il Greco, ma che da esso si differenziava in particolare per la consistenza degli acini giunti a maturazione.

La produzione è minima e ad aprire la strada è stata la realtà taurasina Cantine Lonardo, ma da un po’, di preciso dal 2012, c’è un’altra realtà al lavoro su tale vitigno, l’azienda agricola Guastaferro, che ha dato alla luce, dopo un lavoro durato circa 7 anni, la sua prima imbottigliata. Si chiama “Fulgeo” ed ha esordito in numero estremamente limitato (solo 900 esemplari).

Noi lo abbiamo assaggiato e, ve lo diciamo in premessa, vista la qualità, ci auguriamo che una produzione del genere possa crescere notevolmente.

***

Il colore è giallo paglierino con leggere striature dorate e rimandi verdognoli. Al naso offre una intensa sensazione minerale attraversata da stoccate agrumate e folate timidamente floreali. In bocca la mineralità si amplifica rilasciando tutto il suo potenziale e affiancandosi ad una robusta acidità. Durante il sorso emerge il pompelmo amaro, ma non mancano intriganti accenni vegetali. Struttura marcata per un vino che comunque risulta fresco ed agile. Il finale è discretamente lungo.

Nettare da tutto pasto, certamente a suo agio con risotti ai frutti di mare e crostacei alla griglia, ma anche con le carni bianche e i formaggi di media stagionatura. Parliamo di un vino che, considerato il grado di acidità, promette di regalare belle emozioni a seguito di un ulteriore affinamento in bottiglia. Per il momento, però, una cosa sentiamo di poterla già dire: buon la prima!

 

Stampa
“La Dilettante”: l’intrigante freschezza della Valle della Loira
Dal Greco al Taurasi: gli intriganti vini di Terre D’Aione

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Amarone classico 2011: un’emozione targata Brigaldara

Sarà che si approssima l’appuntamento del Vinitaly e noi, come tantissimi altri, siamo alle ...

Angera 2010: il Maceratino de “Il Pollenza” tra equilibrio ed eleganza

Cari amici di Divini Racconti, eccoci pronti per una nuova degustazione. Accantoniamo per un ...

Millstone 1994: meraviglie dello Shiraz australiano

Dopo settimane di freddo e pioggia, anche su Avellino è tornato a splendere il ...

Paul Jaboulet Aine’ Cornas 1997: il fascino di un Rodano invecchiato 20 anni

Una delle caratteristiche più affascinanti del vino è la sua capacità di invecchiare. Questo, ...

Riesling “Dom” 2016, la fresca eleganza della Mosella

E’ tempo di tornare a percorrere i gustosi sentieri del vino. Siamo nell’ultima decade ...