Roré 2016: elegante Chardonnay targato Corvée

Agosto. Ebbene sì, il momento è arrivato. Anche noi, come milioni di altri italiani, presto staccheremo la spina per goderci qualche giorno di meritate vacanze. Siamo, d’altro canto, nel mese che nell’immaginario collettivo simboleggia proprio le ferie, lo svago, la libertà e noi non abbiamo intenzione di rinunciare alla nostra fetta.

Tuttavia, ad agosto inizia ad emergere anche un lievissimo senso d’angoscia perché, in fondo, è anche il mese che precede l’inizio di un nuovo, lungo, anno lavorativo. Noi, comunque, per dirla con Bruce Willis, siamo duri a morire per cui, invece di farci assalire dall’angoscia, ci lanciamo in questo periodo dell’anno con gioia ed entusiasmo stappando una bella bottiglia di vino.

Rivolgiamo, dunque, i calici verso il Trentino e prepariamoci a gustare lo Chardonnay “Roré” 2016 dell’azienda Corvée. Si tratta di una cooperativa della provincia di Trento che ha fatto del rispetto della natura e dell’alta qualità dei suoi prodotti un vero e proprio marchio di fabbrica.

Il Roré 2016, si presenta in un delicato colore giallo paglierino chiaro. Al naso offre intriganti note di fiori di campo, mela e salvia che si sciolgono in una gradevole sensazione minerale. In bocca propone struttura e corpo, ma anche una bella freschezza legata alla notevole componente acida. Frutto e mineralità emergono in maniera elegante durante il sorso fino a regalare un finale intenso e discretamente lungo.

Vino che potrebbe vestire i panni dell’aperitivo accompagnando frittelle di alici e baccalà, darebbe certamente il meglio su primi e secondi a base di pesce e sulle carni bianche ai ferri. Di sicuro impatto, però, anche abbinato a formaggi di breve e media stagionatura (non eccessivamente speziati). Ed è proprio insieme a questi ultimi che lo abbiamo gustato noi (presso il Civico 12 di Avellino), con l’aggiunta di salumi d’oca e suino, e lo abbiamo trovato assolutamente soddisfacente.

Il prezzo si aggira intorno ai 23 euro a bottiglia. Certo, se non siete amanti del vino difficilmente spenderete più di 7 o 8 euro per una bottiglia, ma va anche detto che se non amate il vino difficilmente vi imbatterete in questo articolo. Insomma, il nostro consiglio è il seguente: provatelo!

 

Stampa
Volturara, sale in cattedra il Fagiolo Quarantino
Primaluce, un magnifico rosato targato Cantine Carpentiere

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Amarone classico 2011: un’emozione targata Brigaldara

Sarà che si approssima l’appuntamento del Vinitaly e noi, come tantissimi altri, siamo alle ...

Donnaluna, un Fiano concreto ed elegante

Siamo giunti alle ultime battute di questa calda (anche se capricciosa) estate e in ...

Chardonnay: la grande personalità del Flora 2010 di Girlan

Dopo qualche sortita francese, d’obbligo per noi amanti del vino, è tempo di tornare ...