Valentini, quel Trebbiano d’Abruzzo 2013 potente e unico

Inizia una nuova settimana lavorativa e a luglio, si sa, non è quasi mai una bella notizia. C’è chi reagisce con il nervosismo e l’insofferenza e chi, come noi, si arma di pazienza e, dopo aver contato fino a dieci, cerca di recuperare un minimo di serenità.

Non è facile, sicuramente, ma ripensare alle migliori bottiglie degustate nel weekend rappresenta sempre un buon inizio.

Stavolta abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta, avendo avuto modo di stappare, in diverse situazioni, un discreto numero di bottiglie, ma una in particolare ha stimolato i nostri sensi regalandoci grandissime emozioni: il Trebbiano d’Abruzzo 2013 targato Valentini.

Durante la degustazione con Giuseppe Reppucci e Gerardino Garofalo

Ebbene sì, rivogliamo i calici verso la provincia di Pescara per incontrare uno dei vini più ricercati e amati dai winelovers non solo italiani. D’altro canto, la storica azienda guidata da Francesco Paolo Valentini ha sempre fatto parlare di sé, grazie a prodotti originali e di altissima qualità (Montepulciano d’Abruzzo, Trebbiano d’Abruzzo e Cerasuolo che nelle annate peggiori non vengono imbottigliati), in grado di rappresentare al meglio il territorio di provenienza.

Lasciamo raffreddare la bottiglia nel ghiaccio per una mezzora prima di stapparla.

Il colore è giallo paglierino intenso con leggeri riflessi dorati. Al naso offre una intrigante complessità: pera, pesca, erbe aromatiche, idrocarburo, fiori di campo, legno bagnato e accenni minerali. In bocca è pieno e rotondo. Interessante la sapidità che si affianca alla nota minerale. Il finale è lungo e intenso.

Si tratta di un vino piuttosto impegnativo che sconsigliamo di bere come aperitivo. E’ ottimo sui primi e i secondi a base di pesce, preferibilmente non troppo delicati per evitare che spariscano sotto la sua intensità, ma da non è da sottovalutare sulle carni bianche, i formaggi di media stagionatura e le zuppe vegetali.

Il prezzo è di circa 90 euro a bottiglia. Naturalmente, non parliamo di un prodotto adatto a tutte le tasche, né a tutti i giorni dell’anno, ma una cosa è certa: è un vino unico, che merita di essere assaggiato almeno una volta nella vita!

 

-Foto di Giuseppe Reppucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *