Il successo di Regio Tratturo 2018: tra prodotti di eccellenza e sostenibilità

Dalla terra alla tavola, nel cuore dell’Irpinia da tante regioni italiane e con tante presenze internazionali: da Malta al Messico, dalla Spagna all’Inghilterra. E’ stata un grande successo la nona edizione del Regio Tratturo & Friends, il farm festival sul consumo consapevole che si è svolto, come sempre, ad Ariano Irpino (Avellino).

Anche quest’anno c’è stata la conferma dell’interesse che ruota intorno al consumo consapevole del cibo, all’agricoltura a km 0 ed in particolare per tutte le tematiche relative al territorio e al turismo sostenibile.

L’edizione 2018 ha visto il coinvolgimento degli studenti dell’Istituto d’istruzione superiore “Ruggero II” di Ariano Irpino che hanno concluso, proprio in occasione del Regio Tratturo & Friends, l’intensa esperienza del progetto PON dedicato al public speaking, introducendo i temi affrontati nel corso della giornata.

Grande interesse ha suscitato quella che è stata una delle novità dell’edizione 2018: la realizzazione di un orto verticale salvaspazio, indirizzata a tutti coloro che hanno voluto apprendere i passaggi fondamentali per coltivare un orto con le proprie mani avendo a disposizione solo un semplice balcone. E molta partecipazione c’è stata anche per il seminario sulla biodiversità e il recupero delle varietà di frutta e ortaggi a rischio di estinzione della Campania, condotto dalla dottoressa Rosa Pepe del CREA – Centro di Ricerca per l’Orticoltura e il Florovivaismo di Pontecagnano (Salerno).

Interesse e partecipazione, inoltre, per la degustazione guidata dell’olio di oliva con Mena D’Avino, Slow Food – Condotta “Irpinia Colline dell’Ufita e Taurasi. Spazio ad alcune varietà tipiche irpine, tra cui la cultivar storica Ravece e il suo olio extravergine “Irpinia-Colline dell’Ufita DOP”. A completare la giornata un focus sulla produzione di liquori artigianali, l’introduzione all’apicoltura, yoga tra gli ulivi dell’agriturismo con Ilio Ragucci, musicoterapista e insegnante Yoga e Shiatsu. La giornata si è conclusa con la musica degli Stragatti a ritmo di swing, boogie-woogie, surf e twist.

L’attenzione ora è rivolta all’edizione dell’estate 2019, che celebrerà il decennale del farm festival, con i piedi piantati saldamente in terra irpina e la testa proiettata verso l’Europa.

Regio Tratturo & Friends continua così la sua mission, quella di concentrarsi su una delle principali sfide dell’umanità: nutrire una popolazione in costante crescita senza danneggiare l’ambiente, preservando le risorse naturali del pianeta per le generazioni future e garantendo una gestione sostenibile dei processi produttivi. Con piccole azioni dei cittadini consumatori, applicate in maniera responsabile tutti i giorni, si può contribuire positivamente alla sostenibilità del nostro pianeta.

Stampa
"Vigna Meira" 2010: freschezza e personalità targate Luigi Einaudi
Fiano Love Fest: dal 3 al 5 agosto appuntamento a Lapio

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Bandol “La Tourtine” 2009: una perla dal sud della Francia

Quando si parla di Francia enologica a venire in mente sono immediatamente Bordeaux, Borgogna, ...

Angera 2010: il Maceratino de “Il Pollenza” tra equilibrio ed eleganza

Cari amici di Divini Racconti, eccoci pronti per una nuova degustazione. Accantoniamo per un ...

Luna Mater 2008: un Frascati deciso ed elegante

Lasciamo il Veneto e il suo Valpolicella Superiore e rivolgiamo lo sguardo verso il Lazio. ...