Le Arcate: l’essenza di Atrani tra storia, mare e sapori

E si ll’apostole pè caso

l’Ultima Cena

a facevano a “Ll’Arcate”….

Annanze a chisto mare,

‘a luna, ‘e stelle

Guardanne st’affresco

ra natura

manginnen ‘e scialatielle,

Na ‘mpepata, na frittura…

State sicuri che a Cristo

Giuda nun l’avesse

Maje Tradito!…

Maria Maddalena Buonocore

 

Atrani è una piccola gemma incastonata tra le ripide pareti rocciose a picco sul mare. Un candido borgo che mantiene inalterata nel tempo la tipica bellezza dei comuni marinari, con i suoi usi, i suoi costumi e le sue tradizioni culturali e gastronomiche.

In questo stretto lembo di terra a ridosso del mare, laddove una volta le barche dei pescatori trovavano riparo dalle intemperie, il ristorante Le Arcate custodisce gelosamente i segreti di una cucina sana e genuina che affonda solide radici nella storia di due famiglie. Sono i Buonocore e i Cretella, due nomi che ad Atrani hanno scritto le migliori pagine dell’arte culinaria.

Le Arcate è un’antica osteria nata nel 1959 da un’idea del Cav. Orlando Buonocore che volle creare un luogo dove preservare, tutelare e promuovere le molteplici sfumature delle ricette locali. Accade così che in una posizione privilegiata, stretta tra i picchi rocciosi che incombono sulla banchina, si ha la fortuna di tuffarsi in un’atmosfera sognante, tra tavoli che quasi baciano il mare, circondati da bellezze paesaggistiche uniche al mondo.

È qui che la secolare cultura gastronomica della Divina Costiera si tramanda da generazioni. Un menù classico e senza fronzoli: protagonisti assoluti il mare e la tradizione. Pasta fatta a mano, robusta e callosa in grado di accogliere sughi di mare e di terra. In carta abbiamo gli scialatielli alla Masaniello con gamberi, zucchine e zucca, gli scialatielli ai frutti di mare, i Paccheri del Marinaio, il pesce alla griglia, il polpo con le patate, il soutè di cozze e vongole. Tutto ha il profumo di storia, di famiglia, di casa.

Sono ricette che i fratelli Antonio, Andrea e Sergio hanno ereditato dai loro genitori e con orgoglio portano in tavola nel rispetto della qualità e della tradizione. Non c’è spazio per chi è alla ricerca di esperienze concettuali, il ristorante Le Arcate esalta il fascino della semplicità. Dall’antipasto al dessert cucina ed emozioni si alternano armonicamente. Ogni piatto suscita sensazioni e sentimenti, richiama alla memoria esperienze di vita dei Buonocore. Ma i sapori dei ricordi ispirano un altro pezzo da novanta della famiglia: Cinzia Cretella, moglie di Antonio e figlia del compianto pasticciere Matteo Cretella. Dietro questo nome si nasconde un dolce simbolo della pasticceria atranese: il Pasticciotto. Una torta di pastafrolla che racchiude al suo interno crema e amarena. Conosciuto da molti come un dolce tipico salentino, Matteo Cretella nel secolo scorso seppe reinterpretare la ricetta raggiungendo picchi altissimi di bontà al punto da diventare una leggenda in tutta la Costiera. Famoso il suo Bar Duomo ad Amalfi, attivo fino al 2006, dove il pasticciere sfornava quotidianamente torte da guinness: dal Pasticciotto al Babà, dalla Torta al Limone alla Zeppola di San Giuseppe, dai Profiteroles al Limone fino alla Millefoglie, per lui era sempre una standig ovation. Sulla scia dell’esperienza di suo padre Cinzia è l’unica a conservare dosi e ingredienti d’origine, permettendo a turisti, avventori e affezionati clienti di assaggiare e godere della ricetta autentica del pasticciotto atranese. Un omaggio intriso di affetto che mantiene vivo il DNA di famiglia.

Il tempo scorre veloce, l’innovazione e le sperimentazioni di chef blasonati troppo spesso offuscano i pregi e le doti di ristoranti veraci ed è bello sapere che in una location straordinaria come Le Arcate puoi ritrovare l’espressione del ricordo di chi ci ha lasciato, lo spirito di una terra che sopravvive senza piegarsi alle leggi del turismo. Antonio, Andrea, Sergio, Cinzia hanno scelto di dettare loro le regole seguendo uno stile tipicamente popolare che intreccia i ricordi d’infanzia ai sapori del mondo marinaro e contadino per far vivere ai propri ospiti una romantica esperienza intrisa di immagini, luoghi, persone, visioni ed emozioni.

Stampa
Terre di Franciacorta 1995: i suoi primi 23 anni...
Viognier 2013 Yarden: un elegante concentrato di frutta gialla e fiori di campo

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Torrioni (AV) Greco di Tufo Dop

Torrioni, turismo ed enologia: alla scoperta del Greco di Tufo Dop autoctono

A Torrioni (Avellino) una giornata dedicata all’ecoturismo e alle eccellenze del territorio. Giovedì 25 ...

Ciak Irpinia: un passo lungo la strada dell’eccellenza

L’Irpinia e la sua tradizione enologica protagoniste della seconda edizione di Ciak Irpinia. Un ...

Da 450 gradi la pizza cerebrale di Iervolino: “Nei miei piatti i miei ricordi, la mia arte”

Innovazione, fantasia, genialità. Il maestro Gianfranco Iervolino è tornato con un grande progetto dedicato ...

Fresco ed elegante: ecco il Grüner Veltliner di Domäne Wachau

Il cielo grigio che sta accompagnando i risvegli in Irpinia da ormai una settimana ...

Minéral: uno Chenin Blanc tutto da amare (e da bere!)

Torniamo nella Valle della Loira, in Francia. Già, come avrete ormai capito, adoriamo questa ...