Al Marriott di Milano, tra i big francesi un meraviglioso Lessona targato Massimo Clerico

E’ stata una giornata davvero intensa quella del 28 giugno scorso. Presso l’Hotel Marriott di Milano, infatti, è andato in scena il wine tasting promosso da Sarzi Amadè. Un appuntamento davvero straordinario per gli addetti ai lavori, che hanno potuto confrontarsi con prodotti di altissimo livello.

La truppa avellinese targata Garofalowine non poteva che essere capitanata da Luigi e Gerardino Garofalo e comprendere il sottoscritto e l’ormai immancabile Giuseppe Reppucci.

I banchi d’assaggio, come detto, erano notevoli e sotto i riflettori si sono immediatamente posizionate le aziende francesi provenienti soprattutto dal bordolese e dalla Borgogna (ma anche la Champagne e la Provenza avevano da dire la propria). Nomi come Chateau Palmer, Chateau Figeac, Chateau d’Yquem, Méo Camuzet, Armand Rousseau e Dominique Laurent (solo per citarne alcuni) non hanno bisogno di presentazioni, ma anche la truppa italiana si è difesa bene. Interessanti i Barolo proposti da Poderi Aldo Conterno, così come i nettari di Antoniolo.

A colpirci, però, è stato in particolare Massimo Clerico, perciò è proprio su di lui che punteremo i calici in questa sede. Erede di una famiglia di vignaioli attiva già dal ‘700, Massimo Clerico produce nella sua azienda situata a Lessona, in provincia di Biella, vini di alta qualità lavorando vitigni tipici del territorio: Nebbiolo, Vespolina, Croatina e Uva Rara.

Il nettare assaggiato al Marriott è il Lessona Riserva 2011 (ma abbiamo avuto modo di apprezzare anche la Spanna 2013).

Il colore è di un bel rosso carico con sfumature granata. Al naso lascia emergere intense note di frutti rossi maturi, confettura di amarene e fiori di campo che cedono lentamente il posto a richiami più freschi, marcatamente balsamici. L’impatto in bocca è netto, potente. Il frutto avvertito al naso si ripresenta caldo e avvolgente. Notevole la componente minerale che viene fuori durante il sorso così come la retro delicatamente al tabacco. Vino equilibrato che ha davanti a sé ottimi margini di invecchiamento, pur essendo già in grado di regalare emozioni.

Da gustare, a nostro avviso, anche da solo, ma ottimo per accompagnare arrosti di carne rossa, selvaggina, risotti e formaggi di lunga stagionatura.

Il prezzo è di circa 45 euro in enoteca. Da provare assolutamente!

 

 

 

Stampa
Dalla terra alla tavola: torna "Regio Tratturo & Friends"
Tra fiori, frutti e note minerali: ecco il Rosè del Borro 2017

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Chic Chef & Friends: cucina e contaminazioni al Marennà

Evento “Chic” al Ristorante Marennà di Sorbo Serpico (AV). Due gli appuntamenti in agenda ...

Un viaggio tra sapori e storia: dall’Umbria i vini Bio di Omero Moretti

Certe esperienze sembrano fatte per essere raccontate. Esperienze di uomini e donne che lasciano ...

Una nuova storia, la nostra: Diviniracconti.it

Le belle storie spesso sono figlie del caso. Certo, una spintarella nella giusta direzione non ...

Aglianico De Santis: tutta l’intensità del 2015

Dopo una serie di assaggi dedicati ai vini del Piemonte e della Toscana, torniamo ...