Barolo “Sarmassa” 2007: un signor vino!

Dopo settimane di pioggia e freddo, la primavera ha deciso di regalarci una discreta giornata di sole. Le temperature, sia chiaro, sono piuttosto basse, ma già il fatto di poter uscire lasciando a casa l’ombrello mette di buon umore.

Riteniamo, dunque, sia giusto celebrare l’evento in qualche modo, e indovinate un po’ qual è il modo? Giustissimo, stappando una bottiglia importante!

Così, dirigiamo i calici verso il Piemonte e, più nel dettaglio, verso Barolo, per bere uno dei più grandi rossi italiani, a base Nebbiolo, che prende il nome proprio da questo piccolo Paese.

Naturalmente, individuare l’azienda non è semplicissimo, ma per non fare torto a nessuno ci lanciamo su un vero e proprio pezzo di storia del territorio: Marchesi di Barolo. Il vino scelto è il Barolo “Sarmassa” 2007.

Il colore è rosso rubino intenso, quasi impenetrabile, con eleganti sfumature granata. Al naso emerge un bel frutto rosso maturo cui si affiancano intriganti note speziate, dal pepe nero alla cannella.

In bocca è netto, con un tannino importante e una sensazione speziata che accompagna il sorso. Il finale è lungo e piacevolmente amarognolo.

Parliamo di un vino da carni rosse bollite o brasate, in grado di accompagnare, però, anche primi piatti con sughi particolarmente strutturati. Ottimo sulla selvaggina, da non sottovalutare in abbinamento con formaggi di lunga stagionatura.

Il prezzo è di poco inferiore ai 50 euro in enoteca, per cui consigliamo di stapparlo per una occasione particolare o, semplicemente, per rendere speciale una giornata altrimenti fiacca. Fateci sapere com’è andata!

Stampa
Chateau de Fontaine Audon 2013: un bel tuffo nel Sancerre
Amarone classico 2011: un'emozione targata Brigaldara

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Rape e patate, un bicchiere di vino e via!

Ci sono piatti nati per restituire il sorriso alle persone tristi, per riportare, almeno ...

Piandaccoli, l’amore e la storia: a spasso tra gli autoctoni rinascimentali

I vitigni autoctoni rinascimentali della Toscana che, attraversando la storia, vanno a riconquistare un ...

A cena con il Faro Palari 2008: incantevole!

E’ un vero e proprio mito dell’enologia italiana. Un vino proveniente dalla Sicilia, molto ...

Hebo 2014: da Suvereto l’intrigante rosso di Petra

Per presentarvi il vino di oggi andiamo in Toscana. Il Comune è quello di ...

“Le Tense”, il bel Sassella targato Nino Negri

Torniamo a parlare di rossi, di grandi rossi. Lasciamo, dunque, il Lazio e il ...