“Le Tense”, il bel Sassella targato Nino Negri

Torniamo a parlare di rossi, di grandi rossi. Lasciamo, dunque, il Lazio e il suo Frascati e puntiamo i calici verso il Nord Italia e, precisamente, la Valtellina, una delle aree enologiche più interessanti dello Stivale.

Il vino che vi proponiamo oggi, infatti, è il “Le Tense” 2013, Valtellina Superiore della sottozona Sassella, figlio di uve Chiavennasca (Nebbiolo) in purezza. E’ prodotto da Nino Negri, azienda che non ha certo bisogno di presentazioni.

Il colore è rosso rubino intenso tendente al granato. Al naso emergono in maniera decisa i frutti rossi maturi, con la ciliegia in primo piano che si allunga in una bella sensazione di confettura e vaniglia. Si avverte appena accennata una nota alcolica, mentre spuntano qua e là delicati slanci balsamici. In bocca è asciutto e morbido, dotato di una buona freschezza e una discreta spalla acida. Il tannino è elegante e anticipa il frutto maturo che regala un finale netto e persistente.

E’ un nettare ideale per accompagnare pranzi strutturati a base di carni rosse e selvaggina, ma ottimo anche sui formaggi stagionati e i piatti tipici della tradizione valtellinese come i pizzoccheri.

Come tutti i grandi rossi, specialmente se prodotti con uve Nebbiolo, è un vino che si esprime nel tempo, per cui a voler cogliere a pieno le potenzialità di questo 2013 è il caso di attendere qualche anno. Tuttavia, si mostra già in grado di impreziosire la tavola.

Quanto al prezzo, ci muoviamo intorno ai 15 euro: li vale tutti, uno per uno. Salute!

Stampa
A cena con il Faro Palari 2008: incantevole!
Syrah e Cabernet, un vino Ardito di nome e di fatto

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Chardonnay “Monteriolo” 2007: una perla targata Coppo

Vi abbiamo già parlato della nostra passione per i vini bianchi con qualche anno ...

Da Pietro al Pantheon: la cucina giudaico-romana nel cuore della Capitale dal 1842

Nel periodo delle festività natalizie in molti colgono l’occasione per fare una gita fuori ...

La Bulgaria enologica: ecco il Mavrud “Enigma” 2015

Che nell’Europa dell’Est si producano vini interessanti e di ottima qualità non è certo ...

Piandaccoli, l’amore e la storia: a spasso tra gli autoctoni rinascimentali

I vitigni autoctoni rinascimentali della Toscana che, attraversando la storia, vanno a riconquistare un ...