Calvarino, l’elegante Soave Classico di Pieropan

Certe giornate sembrano esistere solo per essere superate. Cielo grigio, nuvoloni carichi di pioggia, freddo, vento. Lo scenario, poi, è quello cittadino, fatto di strade d’asfalto, traffico, clacson impazziti, pozzanghere e gente arrabbiata. Insomma, si corre il rischio concreto di farsi prendere dallo sconforto. Io, però, sono un ottimista per cui a deprimermi non ci penso neanche. Prendo il telefono, faccio scorrere la rubrica e fermo il dito sul numero di Gerardino. Chiamo e al quarto squillo ottengo la seguente risposta: «Prontissimo!».

«Caro amico -faccio io-, avrei da chiederti una cosa: ti andrebbe di anticipare ad oggi la puntata di DiVini Racconti fissata per domani? Sai com’è, sono libero e di starmene a casa proprio non me ne viene». La fortuna, si sa, aiuta gli audaci, e infatti la replica che mi giunge è: «Guarda, sono libero pure io, perciò nessun problema. Anzi, sono felice di anticipare l’appuntamento a oggi perché ho in mente di assaggiare un vino davvero speciale».

Definiamo l’orario: l’incontro è di lì a un paio d’ore. Giusto il tempo di risolvere una questione personale, recuperare un spetto umano, vestirmi e raggiungere l’enoteca Garofalo. Quando arrivo a destinazione il locale è già aperto. Spingo lentamente la porta e infilo la testa. «C’è nessuno?», domando. Non ricevo risposta. Entro, e niente: non vedo anima viva. Mi fermo in mezzo alla sala guardandomi intorno perplesso e quasi mi viene un infarto quando mi accorgo che Gerardino, silenzioso come un ninja, è in un angolo nella penombra, a nemmeno tre metri da me, a sistemare bottiglie sugli scaffali. Fortunatamente è concentrato sul suo lavoro per cui non si accorge del mio sussulto (mi avrebbe canzonato per settimane).

Comunque, terminata l’operazione si gira e mi saluta. Quindi mi suggerisce di togliermi il giaccone e prendere posto ad un tavolo. Seguo il suggerimento e lo guardo andare verso il bancone per recuperare una bottiglia, due calici e qualche grissino di accompagnamento.

Gerardino calici«Allora -domando- qual è il vino speciale che stiamo per assaggiare?»
«Davvero un capolavoro -risponde-, si tratta di un Soave ClassicoCalvarino” del 2012, prodotto dall’azienda Pieropan, storica realtà di Soave in provincia di Verona. E’ un vino che adoro, a base Garganega ma con una buona presenza di Trebbiano».
Devo ammetterlo: la scelta mi incuriosisce per cui sollecito Gerardino a stappare velocemente la bottiglia per passare all’assaggio.

Geradino stappaNon si fa pregare e, archiviata la pratica, annusa il tappo per poi annuire sodisfatto. Quindi prende a riempire i calici. Dalla bottiglia esce un liquido giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso regala profumi floreali intensi, ma si avvertono nettamente anche la mandorla e un sentore erbaceo che ricorda la lattuga bagnata.

Gerardino versaIn bocca è sorprendente: ricco di aromi e dotato di una buona acidità. Il finale regala una nota leggermente amara.
«E’ un vino molto elegante -sottolinea Gerardino- che può tranquillamente essere servito sia come aperitivo che a tutto pasto».
La domanda nasce spontanea: «Quali sono le pietanze alle quali si accompagna meglio?»
«Sta benissimo sui crostacei -dice- ma è meraviglioso anche con le ostriche, le minestre di verdura, le zuppe di legumi e, in generale, con i pesci grassi. In Veneto viene utilizzato anche per cucinare. Io, ad esempio, ho potuto assaggiare un ottimo capretto al Soave».
Continuiamo a chiacchierare annusando ed assaggiando di tanto in tanto il vino. Col trascorrere dei minuti si apre e gli aromi percepiti in precedenza emergono con maggiore forza e personalità.

BottigliaA un certo punto, pongo a Gerardino la domanda sull’accoglienza di questo Soave da parte degli utenti dell’enoteca. «Devo dire la verità -risponde-, a differenza di altri vini provenienti da fuori regione, il Soave è piuttosto conosciuto qui ad Avellino, tant’è che spesso mi viene richiesto prima che possa proporlo».
Dopo averlo assaggiato, non ho problemi a credere che sia tanto amato. «A richiederlo -riprende Gerardino- sono persone di ogni fascia d’età, ma ho notato che piace soprattutto ai giovani e alle donne. D’altronde, si tratta di un vino delicato e morbido. Insomma, un vino Soave!».

Gerardino parlaE’ proprio così e mi ripropongo di gustarlo nuovamente insieme ad una delle pietanze che sono state precedentemente elencate. Per il momento, però, mi limito a svuotare il calice che ho davanti e a ringraziare Gerardino per l’ottima scelta. Veramente ottima.

 

 

SCHEDA

VINO: Calvarino, 2012
VITIGNO: Garganega 70% Trebbiano 30%
AZIENDA: Pieropan (Soave – Vr)
GRADAZIONE ALCOLICA: 12,5%
FASCIA DI PREZZO: 14 – 19 euro

Stampa
Chinon “Les Terrasses” di Lambert: un tuffo nel Cabernet Franc

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Un tuffo nel vino austriaco: ecco il Grüner Veltliner di Salomon

Freddo, neve e raffiche di vento in grado di lasciare graffi rossi e dolorosi ...

Selezione Vintage: l’esaltante Durella di Ca’ d’Or

Una timida pioggerella pomeridiana stava per mettere a rischio l’assaggio di questa settimana presso l’enoteca ...

Divini racconti Garofalo Wine Pietracalda

L’eleganza del Fiano di Avellino: sorseggiando il Pietracalda…

Il telefono squilla intorno alle 21. Rispondo. E’ Gerardino che mi chiede se l’appuntamento ...

Laràn Laràn, dalla Ribera del Duero un magnifico Tinto Fino

Archiviata la parentesi argentina, per me e Gerardino è giunto il tempo di tornare ...

Domaine Bousquet: ecco a voi il Malbec, re di Mendoza!

Mettetevi comodi e allacciate le cinture. Il viaggio che ci attende questa settimana è ...