Schioppettino di Prepotto: un gran sorso di Friuli

Il vino che vi proponiamo oggi è un vino decisamente poco conosciuto qui in Irpinia. Il motivo? Semplice: proviene dal Friuli (non proprio dietro l’angolo) e la sua zona di produzione è piuttosto limitata: fa riferimento ad un solo piccolo Comune.

Va bene, basta con i misteri, stiamo parlando dello Schioppettino di Prepotto. Abbiamo avuto l’opportunità di assaggiare l’annata 2014 dell’azienda Grillo Iole e, possiamo dirlo, è stata davvero una gran bella scoperta.

Prima di lanciarci nella descrizione del vino, però, riteniamo sia il caso di dire qualcosa sul vitigno. Lo Schioppettino, anche noto come Ribolla Nera, è un autoctono friulano che nel Comune di Prepotto (provincia di Udine) raggiunge le vette probabilmente più alte in termini di vinificazione.

Sull’origine del termine schioppettino le scuole di pensiero sono diverse. La più accreditata lo fa risalire alla consistenza della buccia degli acini che essendo particolarmente dura risulta croccante alla masticazione. Tuttavia c’è anche chi ritiene che derivi dall’effervescenza prodotta dal vino imbottigliato giovane subito dopo la fermentazione.

Nel tempo lo Schioppettino di Prepotto, grazie anche e soprattutto al lavoro portato avanti dai produttori, è riuscito a ritagliarsi un suo spazio in ambito locale e nazionale e oggi è considerato uno dei vitigni più interessanti del panorama friulano. Tant’è che noi lo abbiamo incontrato ad Avellino, a un bel po’ di chilometri da casa sua.

Alla vista si presenta di un bel colore rosso rubino piuttosto intenso con riflessi granati. Ad impressionare è il naso: netto con i suoi piccoli frutti rossi e neri, il ribes e la mora in particolare, ma anche una venatura erbacea e gradevolmente speziata. In bocca l’impatto è delicato, ma l’intensità aumenta rapidamente fino a regalare un finale pieno e discretamente lungo.

E’ un nettare da tutto pasto ma che starebbe benissimo sulla carne alla brace (sia bianca che rossa), su formaggi mediamente stagionati o erborinati e salumi speziati.

Cos’altro aggiungere? Provatelo!

Stampa
Da Pietro al Pantheon: la cucina giudaico-romana nel cuore della Capitale dal 1842
Il più “fico” dei sapori: le antiche tradizioni cilentane a Casa di Delia

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Chablis “Grand Régnard” 2008: come rendere speciale una serata!

Ci sono serate importanti che vanno valorizzate stappando una buona bottiglia di vino, ma ...

Taurasi Riserva Primum 2003: gran bel lavoro dell’azienda Guastaferro

Dopo una veloce sortita francese, per presentare il vino di oggi torniamo nella verde ...

Minéral: uno Chenin Blanc tutto da amare (e da bere!)

Torniamo nella Valle della Loira, in Francia. Già, come avrete ormai capito, adoriamo questa ...

A cena con il Faro Palari 2008: incantevole!

E’ un vero e proprio mito dell’enologia italiana. Un vino proveniente dalla Sicilia, molto ...

Gattinara Anzivino: l’altra faccia del Nebbiolo

Prosegue il nostro viaggio nel regno del Nebbiolo. Lasciato il Comune di Ghemme puntiamo ...