La schiacciata de “All’Antico Vinaio”, street food in salsa fiorentina

Tra una visita al Museo degli Uffizi e un giro in Piazza della Signoria, prima di proseguire verso Ponte Vecchio, una pausa mordi e fuggi tra i tanti localini dislocati nella Firenze rinascimentale è un dovere oltre che un piacere.

Se non vi spaventano le code e avete voglia di scoprire uno degli esempi più geniali di street food in Italia, “All’Antico Vinaio” è la scelta ideale. Negli ultimi anni la bottega di via dei Neri è divenuta una tappa obbligata per il turismo fiorentino, conquistando i palati internazionali con una proposta di grande gusto capace di coniugare numeri e qualità.

L’anima della vineria è Tommaso Mazzanti, classe 1988, al timone da più di dieci anni, ovvero da quando suo padre Daniele gli ha lasciato il testimone per seguire gli altri progetti di famiglia (altre due trattorie in via dei Neri): la formula è sempre la stessa, in più c’è uno spirito social che ha contribuito ad accendere i riflettori mediatici sul locale, tra i locali più recensiti al mondo sul portale Tripadvisor.

Alla porta d’ingresso la fila è lunghissima, ma scorrevole e tra una chiacchiera e un’altra è già arrivato il nostro turno. Entriamo nella piccola bottega, ci sorprende subito l’atmosfera giocosa e conviviale dello staff, l’aria che si respira è schietta come un bicchiere di Chianti e l’arredamento rimanda alle vinerie della Firenze che fu. Una piccola osteria in chiave street food dove degustare enormi schiacciate super farcite accompagnate da vino alla mescita.

 

Lo spazio è dominato da un grande bancone in legno che illumina gli sguardi degli avventori incantati dalla secolare tradizione toscana a base di salumi, carni e formaggi. Sbriciolona, prosciutto, lardo, porchetta, pecorini, verdure e scamorze arricchiscono le rustiche schiacce all’olio d’oliva appena sfornate. Un viaggio nei sapori alla modica cifra di cinque euro dove scegliere tra una grande varietà di proposte in menù.

La famiglia Mazzanti ha selezionato per i suoi clienti i panini che esprimono al meglio la genuinità fiorentina, fermo restando che c’è sempre la possibilità di farcire la propria focaccia secondo i propri gusti. Se la curiosità vi stuzzica l’appetito provate a degustare almeno le proposte più note, ad esempio: la Dante con capocollo, stracchino, crema di tartufo e rucola; l’inferno con porchetta toscana, cremina piccante, verdure grigliate, rucola; la schiacciata del Boss con prosciutto crudo toscano, pecorino semi-stagionato toscano, crema di tartufo; infine, dulcis in fundo, non perdetevi la regina delle schiacce, la Favolosa farcita con sbriciolona, cremina di pecorino home-made, cremina di carciofi e melenzanine grigliate piccanti. Premiata tra i migliori panini al mondo dal magazine enogastronomico Saveur, la Favolosa è ormai un ‘must’ dello street food internazionale: cinque euro per essere felici!

Stampa
“Vigna Ronco al Maso”: lo straordinario Nebbiolo chiamato Ghemme
Sondraia 2006: la potente eleganza di Bolgheri

Tags:

  • Mostra Commenti (0)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

commento *

  • name *

  • email *

  • website *

Ti Potrebbe Interessare

Bolgheri Rosso 2015: il bel nettare di Michele Satta

Torniamo in Italia e facciamo tappa in una delle regioni più prestigiose dal punto ...

Eleganza e opulenza: Idiom, storia italiana di un vino sudafricano

Cammino tra i vigneti avvolta dai sentori caldi, morbidi, perturbanti dei grappoli d’uva. Mi ...

Vinitaly-Nomisma: negli Usa l’Italia del vino di nuovo prima

Controsorpasso  dell’Italia  ai  danni  della  Francia  negli  Stati  Uniti.  Secondo  le elaborazioni  Vinitaly-Nomisma  Wine  ...

Aglianico De Santis: tutta l’intensità del 2015

Dopo una serie di assaggi dedicati ai vini del Piemonte e della Toscana, torniamo ...

Krems 2015 di Rainer Wess: è tempo di Riesling austriaco

E’ tempo di varcare nuovamente i confini nazionali. Perché? Semplice, abbiamo voglia di gustare ...